diawara

Napoli, solo un pari a Pescara. Il club si consola con l’ingaggio di Diawara

Gli azzurri non vanno oltre il 2-2 in rimonta all’esordio in campionato

 

diawaraEsordio in campionato da incubo del Napoli che alla fine della prima frazione di gioco si ritrova sotto di due goal a Pescara per effetto delle reti di Benali e Caprari; azzurri lenti e macchinosi, padroni di casa ben preparati da mister Oddo abili nel giocare a due o tre tocchi rapidamente. Nella ripresa Sarri corre ai ripari inserendo Mertens al posto di un Insigne opaco e Milik per Gabbiadini; le soluzioni del mister si rivelano vincenti infatti proprio il belga realizza una doppietta che riporta il punteggio in parità. Non bisogna far drammi per una vittoria che ci si aspettava in casa Napoli vista la caratura dell’avversario in quanto siamo appena al 22 Agosto ed è normale che diversi calciatori non abbiamo trovato ancora la condizione ottimale. Per esprimere un giudizio sul lavoro svolto sia sul mercato dalla società che sul campo dagli addetti ai lavori bisognerà attendere la settimana che coincide con l’inizio della Champions League. Sarà da quel momento che il team dovrà farsi trovare al top. Intanto club, squadra e tifosi si possono consolare con l’arrivo di Amadou Diawara; il centrocampista guineano sta svolgendo le visite mediche a Castel Volturno e firmerà un contratto di quattro/cinque anni con un ingaggio di 1,5 milioni di euro a stagione. L’ormai ex calciatore del Bologna è costato una cifra vicina ai 15 milioni di euro.

hernap

Amichevole Hertha Berlino-Napoli 1-4, primo goal in azzurro di Milik

La squadra di Sarri dilaga dopo lo svantaggio iniziale

 

hernapIl Napoli espugna l’Olympia stadium di Berlino chiudendo il ciclo di amichevoli pre-campionato ancora una volta con un successo dal punteggio rotondo. Lo svantaggio iniziale di Ibisevic, favorito da uno svarione di Ghoulam, non distoglie gli azzurri che continuano a produrre il consueto gioco fino a giungere al pareggio con Hamsik. Nella ripresa i partenopei ribaltano il risultato con Callejon scattato alla perfezione sul filo del fuorigioco, bravo a sfruttare al meglio lo splendido taglio in verticale di Valdifiori (il suo marchio di fabbrica). Il subentrato Milik fissa il punteggio sull’ 1-3, risultato che verrà poi arrotondato da Mertens, anch’egli entrato a gara in corso, al termine di una combinazione proprio con l’attaccante polacco. La squadra di Sarri prosegue sulla strada del bel gioco, del proporre sempre l’azione, delle fasi di palleggio per poi affondare improvvisamente sfruttando al meglio la qualità dei diversi assist-man presenti in squadra. Dal punto di vista individuale da segnalare un disastroso Ghoulam in fase difensiva che però resta preziosissimo in fase offensiva, un opaco Insigne. Bene Milik, Mertens e Valdifiori. La sensazione è che il Napoli sia una squadra di buon livello ma che manchi di un top player, uno di quei calciatori che masticano la Champions League ogni anno, abituati a quel palcoscenico. Mancano circa due settimane alla chiusura della corrente sessione di calciomercato e il club partenopeo ha il dovere di portare a casa questo tipo di giocatore, arrivo resosi necessario dopo la partenza a tradimento di Gonzalo Higuain.

 

IL TABELLINO

Hertha Berlino-Napoli 1-4

Hertha Berlino (4-2-3-1): Jarstein; Pekarik (1′ st Hegeler), Langkamp, Brooks, Plattenhardt (20′ st Ronny); Stark (1′ st Allan Souza), Skjelbred; Haraguchi, Darida (15′ st Allagu), Stocker (15′ st Kurt); Ibisevic (15′ st Schieber). In panchina: Kraft. All.: Dardai.

Napoli (4-3-3): Reina (1′ st Sepe); Hysaj (26′ st Maggio), Albiol (28′ st Chiriches), Koulibaly (38′ st Luperto), Ghoulam (33′ st Strinic); Allan (1′ st Zielinski), Valdifiori (11′ st Jorginho), Hamsik (38′ st Insigne R.); Callejon (21′ st El Kaddouri), Gabbiadini (1′ st Milik), Insigne L. (11′ st Mertens). In panchina: Rafael. All.: Sarri.

Arbitro: Sather.

Reti: 24′ pt Ibisevic, 36′ pt Hamsik; 9′ st Callejon, 25′ st Milik, 37′ st Mertens.

Note: Spettatori 8mila circa. Ammoniti: Hamsik, Darida.

Layout 1

Amichevole Napoli-Monaco 5-0, è un Gabbiadoro

L’attaccante azzurro mette a segno un poker

e fornisce l’assist per il goal di Allan

Layout 1Napoli – In un San Paolo semi deserto il Napoli supera con un rotondo 5-0 il Monaco nel secondo test amichevole precampionato giocato tra le mura amiche; protagonista assoluto della serata Manolo Gabbiadini autore di quattro reti ed un assist. L’ex attaccante della Sampdoria, che aveva chiesto la cessione quando in squadra era chiuso da Higuain, all’indomani della partenza di El Pipita sembra intenzionato a dimostrare tutto il suo valore e perche no conquistare una maglia da titolare per la prossima stagione, sempre che non arrivi il pezzo da novanta che il club partenopeo ha fin qui cercato senza portare a casa nulla tra i malumori di gran parte della tifoseria. Se è vero che il Monaco visto a Fuorigrotta è stato poca cosa, è pur vero che l’undici che Sarri ha mandato in campo dal primo minuto ha dimostrato di essere già collaudato e perfetto nell’eseguire lo spartito dettato dal tecnico originario di Bagnoli. Ottima l’intensità, la qualità del giro-palla, le combinazioni e l’intesa. Tutto questo per circa un’ora, fin quando la girandola di sostituzioni ha portato ad un Napoli completamente rinnovato negli undici, tra cui ha ben figurato il nuovo acquisto Milik che ha dimostrato di conoscere bene i movimenti da prima punta, venendo sia incontro al pallone che cercando la profondità, inoltre si è vista la sua fisicità e il buon passo oltre che giocate tecniche spettacolari che hanno richiamato gli applausi del pubblico presente sugli spalti. In campo nell’ultimo spezzone di gara anche Zielinski, il cui acquisto è stato ufficializzato Giovedì scorso dunque ancora fuori dagli schemi di Sarri ma in generale tutti i subentrati non hanno dato la sensazione di essere squadra collaudata così come era accaduto per gli undici mandati in campo inizialmente. Tra le individualità oltre al già osannato Gabbiadini, spiccano le prestazioni di Hamsik e Allan. Sottotono le prove di Mertens e Insigne, in ritardo di condizione in quanto protagonisti degli ultimi europei giocati in Francia. Non hanno preso parte al match Tonelli e Giaccherini alle prese con guai fisici  e David Lopez sul piede di partenza destinazione Betis Siviglia.

Tabellino e voti

Marcatori: 4′ Gabbiadini (N), 16′ Gabbiadini (N), 48′ Gabbiadini su rig. (N), 64′ Gabbiadini (N), 65′ Allan (N)

NAPOLI (4-3-3): Rafael 6 (Sepe sv), Hysaj 6 (Maggio 6), Albiol 6 (Chiriches sv), Koulibaly 6 (Luperto sv), Ghoulam 6 (Strinic 6,5); Allan 7 (Grassi sv), Jorginho 6,5 (Valdifiori 6), Hamsik 7 (Zielinski 6); Callejon 6 (El Kaddouri 6), Gabbiadini 9 (Milik 6,5), Mertens 5,5 (Insigne 5,5). All.: Sarri

MONACO (4-4-2): Badiashile 5; Tisserand 4,5, Glik 5,5, Jemerson 4,5 (Raggi 5), Elderson 5 (Benedinne sv); Boschilia 5,5 (Diallo sv), Bakayoko 6 (N’Doram 5,5), Traorè 6 (Joao Moutinho 6), Bernardo Silva 6; Cavaleiro 5,5 (Mbappe 5,5), Vagner Love 5 (Carrillo sv). All. Jardim

Ammoniti: -

Espulsi: –

Arbitro: Mariani

Villareal-Napoli

Villareal – Napoli 1-0, azzurri puniti nel finale di gara

Villareal-NapoliIl Napoli viene battuto 1-0 al “Madrigal”dal Villareal, cosi come accaduto sabato scorso allo “Juventus Stadium” gli azzurri vengono puniti nel finale dopo una partita tutto sommato equilibrata.  Si conclude cosi la striscia positiva europea che vedeva gli azzurri imbattuti dall’ultima edizione di Europa League. Decisiva La punizione di Denis Suarez che regala al “sottomarino giallo” il successo. Match a dir poco deludente da parte del signor Nijhuis (Olandese) che non vede un mani di Soriano evidente in area di rigore.
IL MATCH

Maurizio Sarri  cambia solo sei uomini rispetto alla formazione dei cosiddetti titolarissimi: tra i pali c’è Reina. Difesa a quattro con Hysaj, Chiriches, Kolibaly e Strinic. A centrocampo confermato Hamsik, con David Lopez e Valdifiori che si piazza in cabina di regia. In avanti Callejon con Gabbiadini e Mertens. In casa Villarreal Marcelino se la gioca con la formazione titolare. Spazio anche per l’ex partenopeo Victor Ruiz in difesa.

Partono subito bene i padroni di casa che al 5’ si rendono pericolosi con Costa che sfrutta  un regalo di Reina (che esce in maniera avventata), servendo subito Soldado ma il portiere è bravo a rientrare al centro dell’area e respingere la conclusione dell’attaccante. Col passare dei minuti cresce il Napoli, che va vicino al gol con un tiro a lato di Gabbiadini e con un destro dal limite, secco ma centrale, da parte di Hamsik. La prima frazione di gara si conclude con poche azioni degne di nota. Nella prima parte della ripresa parte bene il Napoli con Gabbiadini che impegna Areola e Callejon che dà l’illusione del gol con uno splendido inserimento in spaccata. Al 65′ lo spagnolo prova a servire Gabbiadini con un preciso cross basso, ma Soriano respinge con un braccio: per l’arbitro non è rigore. Inutili le proteste di Callejon che viene anche ammonito. Nel frattempo si apprestano a riscaldarsi Higuain e Insigne da una parte, Bakambu e Pina dall’altra. La svolta arriva al 37’ del secondo tempo: punizione dubbia quanto pericolosa, concessa per un intervento sulla palla da parte di Valdifiori, batte Denis Suarez e palla che si insacca con violenza sotto la traversa. Inutile il tentativo di salvataggio di Reina che può solo sfiorare il pallone.
Nei minuti finali il Napoli prova a pareggiare con una punizione dal limite dell’area, che però viene fallita da Insigne, calciando alto. Arriva cosi il triplice fischio che sancisce la fine della gara. Discorso qualificazione ancora apertissimo per gli azzurri che proveranno a ribaltare il risultato dell’andata tra le mure amiche del San Paolo, laddove il fattore pubblico potrebbe essere determinante. Di fatti si prevede il pienone nell’impianto di Fuorigrotta.

Allan ha rilasciato le prime dichiarazioni con la maglia azzurra

Allan: “Napoli è il massimo per un calciatore”

Allan ha rilasciato le prime dichiarazioni con la maglia azzurra

Allan ha rilasciato le prime dichiarazioni con la maglia azzurra

Intervenuto nella serata organizzata dal Napoli per i tifosi accorsi nel ritiro di Dimaro, Allan ha rilasciato un’intervista anche alla radio ufficiale della società, Radio Kiss Kiss, dimostrando che ha aspettato con ansia e curiosità la lunghissima trattativa, che sembrava impossibile da concludersi, per portarlo a vestire la maglia azzurra: “Non è stata una trattativa lunghissima” ha annunciato “voglio fare bene qua, è un piacere stare qui. Grandi giocatori come Alemao e Careca? Non li ricordo, sono giovane, ora voglio fare bene con questa maglia, voglio essere importante per i tifosi“. Perché ha scelto Napoli e non altre squadre, come l’Inter, che pure aveva mostrato interesse verso il brasiliano? “Napoli è il massimo per un calciatore. Ho scelto Napoli perché mi ha voluto fortemente ed io ho sposato questo progetto importante. Voglio dare il massimo, il 100%“. E il rapporto con Sarri dopo questi primi giorni di allenamento? “Sarri cerca l’equilibrio giusto per la squadra”.

E speriamo che ci riesca. Intanto si è bloccata la trattativa per portare Astori. Dopo i tentennamenti del Napoli a causa dei problemi con lo sponsor del difensore del Cagliari, adesso è il 28enne bergamasco a prendere tempo (si parla di un interessamento della Fiorentina. Situazione che non è piaciuta a De Laurentis, che è subito corso ai ripari con una manovra davvero ingarbugliata, secondo i colleghi di Sport Mediaset. Si sarebbe inserito nella trattativa tra Chelsea e Roma per Salah, complicando la situazione per i giallorossi, per poi lasciare strada libera in cambio di un accordo favorevole per Romagnoli. Fantamercato? Si saprà a breve, ormai la stagione è alle porte e Sarri ha bisogno del suo difensore per registrare con gli uomini precisi la difesa. E oggi secondo test. Si sale di livello. La Feralpi Salò, squadra di Lega Pro, alle ore 21.00.

Higuain sarà a Dimaro ad inizio prossima settimana per cominciare la preparazione

Higuain a Dimaro lunedì

Higuain sarà a Dimaro ad inizio prossima settimana per cominciare la preparazione

Higuain sarà a Dimaro ad inizio prossima settimana per cominciare la preparazione

Gonzalo Higuain è sulla strada di Dimaro. Tornerà ufficialmente lunedì in Italia, per iniziare anche lui la preparazione pre-campionato, e Sarri non vede l’ora di conoscerlo, come fece con Eto’o. Dopo il video che ha fatto il giro del mondo del litigio del Pipita, con alcuni tifosi argentini che l’hanno provocato fuori ad un locale ad Ibiza, Higuain ora deve solo pensare a rimettersi in carreggiata e dare il massimo per essere il leader incontrastato del Napoli. Compagni, società e Sarri, soprattutto, si fidano di lui e, dopo un periodo non proprio all’altezza del suo nome, il centravanti argentino deve prendersi una grossa rivincita, per se stesso e per i tifosi del Napoli, che si fidano di lui.

L’episodio in Spagna, secondo voci che erano lì presenti, sembrano siano state tutte calcolate da tifosi argentini. Una specie di provocazione, che l’attaccante non ha preso, come sappiamo, nel miglior modo possibile, infatti nel video erano già presenti persone con cellulari in mano per immortalare la reazione di Gonzalo. Ormai i calciatori non vengono ricordati per prodezze di campo, ma per reazioni sociali. Speriamo che a partire da lunedì le cose cambino…

Insigne mattatore della prima uscita stagionale degli azzurri

Buona la prima: Napoli – Anaune 8-0

Insigne mattatore della prima uscita stagionale degli azzurri

Insigne mattatore della prima uscita stagionale degli azzurri

La prima uscita stagionale del Napoli contro i dilettanti dell’Anaune Val di Non è terminata 8-0 per gli azzurri. Ottime indicazioni per mister Sarri dai suoi ragazzi, comunque ovviamente non brillanti dopo i primi 10 giorni di lavoro nel ritiro di Dimaro. Osservatore speciale a bordo campo Allan, il neo acquisto di Aurelio De Laurentis e Giuntoli, al quale dovrebbe aggiungersi in giornata anche Davide Astori. Protagonista del match Insigne, autore di una tripletta di pregevole fattura nel primo tempo, nella posizione da trequartista disegnata per lui dal nuovo tecnico. A bersaglio anche Gabbiadini e Mertens (doppietta per entrambi) e Bifulco, il giovane della Primavera partenopea che continua a ben figurare in questi primi giorni della stagione 2015/16.

L’Anaune, squadra di promozione friulana, ha cominciato bene la gara, poi il valore tecnico della squadra azzurra è emerso. Ottima la gara di Valdifiori, che ha gestito il centrocampo, al massimo con un tocco, facendo ripartire sempre velocemente l’azione. Nella ripresa, parecchi cambi, con esordio per Gabriel, Koulibaly ed Henrique in difesa, David Lopez e Jorginho a centrocampo. Si è visto un ottimo Mertens, che come ha affermato nei giorni scorsi, vuol restare a Napoli. Il Napoli tornerà in campo venerdì 24, alle 21.00, contro la Feralpi Salò. L’asticella si alza, l’inizio del campionato s’avvicina.

Allan è sbarcato questa notte a Dimaro. Si attende a momenti l'ufficialità

Mercato Napoli, finalmente Allan. Ora tocca ad Astori

Allan è sbarcato questa notte a Dimaro. Si attende a momenti l'ufficialità

Allan è sbarcato questa notte a Dimaro. Si attende a momenti l’ufficialità

Dopo settimane estenuanti di trattative, finalmente si sblocca il mercato Napoli. E’ arrivato a Dimaro la scorsa notte, all’1.30 circa, Allan, il nuovo centrocampista della truppa guidata da Maurizio Sarri. A breve ci sarà quindi anche l’ufficialità da parte della società, che intanto prepara la prima uscita stagionale contro i dilettanti dell’Anaune Val di Non, che il brasiliano seguirà da bordo campo per cominciare a capire quello che il tecnico vorrà da lui. Le cifre dell’accordo si conoscono ormai da tempo e già ieri Duvan Zapata e Miguel Angel Britos avevano lasciato il ritiro partenopeo per volare verso Udine, dove li attende la famiglia Pozzo, che girerà l’uruguayano al Watford, mentre terrà in prestito per due anni il colombiano.

Sbloccato finalmente Allan, il mercato Napoli potrà ora concentrarsi sulla difesa. Si stringe per Davide Astori, atteso anche lui nelle prossime ore a Dimaro (nel frattempo sostituito in Trentino dal giovane Allegra), dopo i giorni di allenamento a Roma ospite del Benevento e dopo aver risolto i problemi legati allo sponsor. L’inserimento in extremis del Milan, infatti, non ha sortito i suoi frutti e presto Astori sarà un calciatore del Napoli. Ma l’arrivo del centrale via Cagliari non ferma le trattative azzurre, che proseguono alla ricerca di un terzino e di un altro difensore centrale. I nomi più caldi al momento sono quelli di Sime Vrsaljko del Sassuolo e di Marc Bartra del Barcellona, ma non mancano le alternative. Per il croato si parla di un’offerta da 9 milioni più il prestito di Omar El Kaddouri. Il calciatore spinge per la cessione al Napoli, il Sassuolo ci pensa. Per lo spagnolo, dopo le presidenziali blaugrana, sono iniziati i contatti con la dirigenza. La base per una trattativa è intorno ai 13 milioni.

Intanto, in uscita si registrano le parole di Mertens. Il belga ha dichiarato infatti che vuole “restare al Napoli” per dimostrare a Sarri che può giocare e rendersi utile per la squadra in qualsiasi dei ruoli offensivi previsti dallo schema tattico del tecnico campano. Si chiude così la pista che portava ad una sua possibile cessione. Chi invece torna vicino alla Spagna è José Maria Callejon. L’esterno scuola Real Madrid è infatti ora seguito dal Siviglia, dopo le sirene dell’Atletico Madrid. Entrambi i club gli consentirebbero di tornare a giocare nel suo paese e di partecipare alla prossima Champions League. Serve però un’offerta di almeno 15 milioni per convincere De Laurentis a cederlo.

Il presidente atteso a Dimaro con due nuovi rinforzi del mercato azzurro

De Laurentis a Dimaro con Astori e Allan?

Il presidente atteso a Dimaro con due nuovi rinforzi del mercato azzurro

Il presidente atteso a Dimaro con due nuovi rinforzi del mercato azzurro

Ore calde, ore di attesa a Dimaro per il mercato Napoli. Nei prossimi minuti (al massimo per ora di pranzo) è infatti atteso nel ritiro della Val di Sole il patron Aurelio De Laurentis. Il presidente azzurro, di ritorno dopo una settimana di distanza dalla squadra, dovrebbe portare con sé un paio di sorprese: non giochi, non caramelle né regali, ma due colpi di mercato. Stiamo parlando di Allan e Astori, le cui trattative si sono sbloccate definitivamente nel week end e che nelle prossime ore verranno ufficializzati dal club partenopeo. L’arrivo del brasiliano e del bergamasco sistemeranno, in parte, il reparto arretrato e il centrocampo del Napoli, con mister Sarri chiamato a far amalgamare i due nuovi arrivi in corso d’opera. Poi, per Giuntoli e ADL, sarà la volta di pensare agli altri innesti.

Altre notizie mercato Napoli – In primis un terzino, di fascia destra più che di sinistra, meglio se polivalente. Sfumato Darmian, il Napoli aveva puntato forte su Vrsaljko del Sassuolo e Sala del Verona, ma le trattative si sono arenate per chiudere gli affari Allan e Astori. Adesso riprendono con maggiore insistenza. Il croato appare essere l’obiettivo numero uno del mercato Napoli. L’offerta di 10 milioni presentata da ADL è stata finora rifiutata dal Sassuolo, ma la volontà del calciatore è quella di cedere alle lusinghe azzurre, per firmare un quadriennale da 1,2 mln di euro a stagione. E si sa, nel calcio, quando un giocatore vuole qualcosa, la ottiene. L’alternativa è Sala, per il quale l’investimento è sensibilmente minore (il Verona ha rifiutato 3 mln), ma che non convince moltissimo per i problemi in fase difensiva. Chi piace, invece, e molto, come confermato dal suo stesso agente, è Silvain Widmer, 22enne svizzero in forza all’Udinese. Ma dopo l’affare Allan, con Zapata (che ha rinnovato fino al 2020 con il Napoli ma che andrà in prestito biennale ai bianconeri) e Britos inseriti come contropartite, difficile pensare ad un altro sacrificio economico importante di Aurelio De Laurentis sempre in Friuli.

hamsik

Sarri convince tutti. Hamsik: “Tanta differenza rispetto a Benitez”

hamsikCalcio Napoli – Quando sembra ormai sbrogliato l’intrigo tra Astori e il suo sponsor personale, in modo da permettere al difensore bergamasco di firmare il contratto che lo legherà al Napoli nei prossimi tre anni, con opzione per il quarto, il club azzurro prosegue nella preparazione nel ritiro di Dimaro. In Val di Sole, dopo la contestazione di un gruppo sparuto di tifosi nei confronti di De Laurentis, le acque si sono calmate e a prendere la parole sono stati alcuni dei rappresentanti più in vista della squadra, a cominciare da Marek Hamsik. Il centrocampista slovacco, che si appresta ad iniziare la stagione numero 9 in maglia azzurra, si è detto entusiasta del nuovo tecnico Maurizio Sarri. “Si vede tanta differenza rispetto a Benitez” ha detto Marechiaro ai suoi tifosi “sia sul piano fisico che tatticamente: lavoriamo molto di più. Sarri è un maniacale e stiamo lavorando il doppio“. Una frecciatina nemmeno tanto velata al tecnico spagnolo, con cui non c’è mai stato davvero un grande rapporto.

Gli fanno eco i compagni di squadra del Calcio Napoli Cristian Maggio, Manolo Gabbiadini e Jorginho. “Benitez aveva mentalità all’inglese, ci faceva stare più tranquilli e riposare in alcune situazioni” ha spiegato a Radio Kiss Kiss il terzino partenopeo “Sarri invece chiede sempre il massimo, non lasciando niente al caso“. Poi una battuta sul suo rinnovo: “E’ sempre un onore essere ancora qua, abbiamo fatto un bel percorso a livello personale. Dopo il rinnovo, ho voglia di dimostrare ancora il mio valore, perché ho ancora delle qualità“. Soddisfatto del nuovo tecnico anche l’ultimo arrivato della scorsa stagione, Gabbiadini: “Sarri cura ogni dettaglio. Nel 4-3-1-2 mi sta provando in attacco, un ruolo che mi piace di più” ha dichiarato al Tgr Campania “Mi diverto, è la mia posizione ideale. Sarà un campionato interessante: le altre si sono rinforzate, ma anche noi ci stiamo preparando bene“. Chiusura per Jorginho, atteso al riscatto dopo una stagione e mezza di chiaroscuro: “E’ un lavoro molto intenso, un carico abbastanza alto, ma credo che coglieremo i frutti più avanti. Stiamo lavorando tanto, siamo sulla strada giusta“. E il rapporto con Sarri? “Il mister ha le idee chiare” ha spiegato a Tuttonapoli.net “mi ha detto quello che pensa, io gli ho detto quello che penso e non ci saranno problemi, sono sicuro che andrà tutto benissimo quest’anno“.

Tutti volti sorridenti dunque a Dimaro, in attesa di vedere quello di Allan, il nuovo acquisto firmato Aurelio De Laurentis.


Fatal error: Call to undefined function the_posts_pagination() in /web/htdocs/www.ilcalciocheconta.com/home/wp-content/themes/bhost/index.php on line 35