Vittoria straordinaria per gli azzurrini di Giampaolo Saurini, che nella settima giornata di ritorno di campionato, girone C, hanno battuto un Catania in grande forma per 3 a 0. Partita a senso unico, in campo una sola squadra, e ciò fa ben sperare i tifosi partenopei in vista dei play-off. Primo tempo di marca Napoli e già al 20’ arriva il goal del vantaggio. Cross di Gaetano, Granata, completamente solo in area, colpisce di testa e trafigge un incolpevole Ficara. Il primo tempo si chiude con l’uno a zero e con il Napoli in totale gestione e controllo della partita.

Persano in gol nel 3 a 0 del Napoli Primavera contro il Catania

Persano in gol nel 3 a 0 del Napoli Primavera contro il Catania

Nel secondo tempo il copione non cambia e subito arriva il raddoppio. Azione che si sviluppa sulla destra, la palla arriva in area, Bifulco serve Persano che di testa infila per la seconda volta Ficara e partita virtualmente chiusa. Con il Catania che si spinge in avanti alla ricerca disperata di riaprire il match, è il turno di Mangiapia a siglare la rete del definitivo tre a zero. Bella azione in velocità, Mangiapia si ritrova a tu per tu con Ficarra e con un diagonale rasoterra e preciso lo trafigge.

Al termine dei 90 minuti, un raggiante Saurini commenta così l’ottima prestazione della sua squadra: “sono molto contento per i ragazzi. Oggi abbiamo fatto una gara praticamente perfetta, contro una squadra fortissima. Vincere oggi non era affatto facile e ci siamo riusciti. Nonostante la giovane età, oggi i miei giocatori hanno dimostrato grande maturità e responsabilità. Ma ora non dobbiamo fermarci qui, il nostro obiettivo è centrare i play-off e abbiamo ancora molto lavoro da fare”.

Diametralmente opposto è invece lo stato d’animo del tecnico del Catania, Pulvirenti: “complimenti al Napoli che ha ben interpretato la gara, ma noi abbiamo disputato 90 minuti al di sotto delle nostre possibilità. Prima o poi doveva accadere, considerando che veniamo da un momento esaltante. Portiamo a casa questa sconfitta che ci serva da lezione, ma sono sicuro che già dal prossimo turno ci riprenderemo. Ripeto: una battuta d’arresto ci può stare, ma ciò non cancella l’ottimo lavoro fatto in questi mesi”.

Partenopei che con questi tre punti salgono a quota 31, con i siciliani fermi a 37. Adesso la zona play-off per i ragazzi di Saurini è lontana solo 3 punti, con ancora 6 giornate da giocare, il discorso è ancora tutto aperto. Nel prossimo turno, altro test importante per il Napoli, che se la vedrà con il Bari, secondo in classifica a pari merito con la Lazio.