firmahiguainNapoli – La sessione estiva di calciomercato appena conclusasi, è stata sicuramente la più esaltante degli ultimi tre anni. Nel 2011 e 2012 diversi top players avevano lasciato il campionato italiano ed in cambio erano arrivati giocatori di fascia media, facendo abbassare notevolmente il livello della nostra serie A. Finalmente nei mesi appena trascorsi è avvenuta l’inversione di tendenza che ha riportato diversi grandi campioni in Italia. Le regine del mercato sono state sicuramente la Juventus, il Napoli e la Fiorentina. I bianconeri hanno portato a casa Tevez e Ogbonna senza tralasciare uno sguardo al futuro mantenendo il controllo di Zaza e Gabbiadini e prelevando la metà di Berardi dal Sassuolo. Gli azzurri invece pur cedendo Cavani hanno ingaggiato tra gli altri, giocatori del calibro di Higuain, Callejon ed Albiol, senza dimenticare che probabilmente il miglior colpo del presidente De Laurentis è stato Rafa Benitez, un tecnico di altissimo spessore che non sta facendo rimpiangere Mazzarri. I viola meritano il trono per aver portato in serie A Mario Gomez. Il voto da assegnare a questi tre club è senza dubbio un bel 8 pieno. Interessante anche la sessione di mercato di Inter, Roma e Cagliari. I nerazzurri hanno il merito di essersi mossi in anticipo rispetto alle altre e di aver portato a Milano due tra le migliori giovani punte in circolazione: Icardi e Belfodil. Ottima mossa anche quella di assicurarsi circa sei mesi fa Campagnaro, per non parlare della scelta di convincere Mazzarri a guidare un gruppo che era allo sbando. I giallorossi si sono fatti notare per gli arrivi di gente come De Sanctis, Maicon, Benatia, Strootman e Ljajic, calciatori che non faranno rimpiangere le partenze di Marquinhos, Osvaldo e Lamela, necessarie per risanare il bilancio. Ai rossoblu del patron Cellino, va dato il merito di aver trattenuto tutti i giocatori importanti, evitando di scatenare un effetto a catena di calciatori che avrebbero chiesto a loro volta di andar via in seguito alla cessione di uno di loro. Voto per queste tre società 7. Sufficiente in qualche caso anche più che sufficiente la sessione di mercato delle altre squadre a cui va un 6 pieno ed in certi casi anche un bel 6,5, fatta eccezione per club come Lazio e Sassuolo. I capitolini non convincono per non aver messo su una coppia di difensori centrali che dia garanzie di rendimento per l’intera stagione mentre gli emiliani hanno allestito una squadra che nel complesso appare inadeguata per mantenere la categoria. Per queste due società il voto non può essere superiore al 5.