La Primavera del Napoli esce a testa bassa dal match perso 3-0 col Vicenza

La Primavera del Napoli esce a testa bassa dal match perso 3-0 col Vicenza

Il Napoli esce sconfitto dalla trasferta di Vicenza. Finisce a sorpresa 3 a 0 per gli uomini di Massimo Beghetto. Tre punti fondamentali per i biancorossi che così smuovono un po’ la classifica, mentre per i ragazzi di Giampaolo Saurini un’occasione persa per avvicinarsi nella zona play-off. Considerando anche il pareggio in casa contro il Latina di sabato scorso, per il Napoli è un periodo decisamente poco positivo.
A dire il vero anche all’andata per i partenopei fu una partita sofferta, per un 2 a 2 che mandò su tutte le furie il tecnico degli azzurri, che sopra di due goal si fecero rimontare in zona Cesarini. La partita di oggi ha forse messo in evidenza i limiti dei napoletani, che si sono dimostrati un po’ stanchi e con poche idee. Da segnalare anche l’espulsione di Romano, che salterà il prossimo match in casa contro il Catania.

La squadra di casa parte subito forte ed al 16’ e 24’ sfiora la rete con Ragusa e Pize. Primo tempo che vive di fiammate, con il Vicenza indubbiamente più pericolo e propositivo. Comunque, il Napoli tiene botta e si va all’intervallo sullo zero a zero. Nella ripresa il copione non cambia e dopo neanche 5 minuti il Vicenza va in rete. Ragusa, il migliore del match, palla al piede s’infila in area e, dopo aver eluso l’intervento di Supino, con un diagonale forte e preciso batte un incolpevole Contini. I partenopei accusano il colpo ed i vicentini provano ad approfittarne. Infatti, cinque minuti più tardi, Romio sigla la rete del 2 a 0, ma l’arbitro annulla giustamente per off-side dello stesso difensore. Allora gli azzurri si svegliano e prima con Prezioso e poi con Bifulco vanno vicinissimi al punto del pari. Ma sono i biancorossi a 12 minuti dal termine a trovare il goal del raddoppio. Punizione dalla sinistra battuta da Paganin e stacco di testa vincente di Bartulovic, con la difesa napoletana decisamente in bambola. A quel punto la squadra di Surini, demoralizzata, molla completamente ed esce dalla partita. Il Vicenza, dall’altra parte, sulle ali dell’entusiasmo non si ferma e fa tripletta con un bello spunto di Paganin, che dai 30 metri lascia partire un bolide imparabile per Contini e partita conclusa. Nei minuti finali solo tanto nervosismo e giusti i rossi mostrati al campano Antonio Romano ed al difensore veneto Gioele Rizzo.

A questo punto, per il Napoli, al fine agguantare i play-off e di non perdere ulteriore terreno nei confronti dell’Empoli, che è quinto, fondamentale sarà lo scontro interno contro il Catania. I siciliani sono attualmente quarti in classifica e la partita si preannuncia tutt’altro che facile.