comiVittoria, e primato in classifica, per l’Avellino nella sfida casalinga contro il Carpi. Il match è di quelli ad alta tensione, e si avverte dal momento che le due quadre partono contratte e dominate dalla paura di commettere errori. In particolare gli ospiti, che si difendono con 10 uomini diero la linea della palla rendendo impossibile agli iripini sviluppare il loro gioco. La prima occasione per i padroni di casa arriva al 24′ minuto con un colpo di testa di Ely respinto dal portiere, è il preluidio al gol che arriva dopo 7′ minuti, con Comi che la butta dentro approfittando del errore in uscita del estermo difensore avversario Gabriel. Con il vantaggio i biancoverdi si sbloccano e sfiorano il raddoppio, ancora con Comi, solo 3 minuti dopo. Gli uomini di Rastelli sembrano avere il controllo della partita, ma allo scadere del tempo il Carpi va vicino al paricon Letizia che a tu per tu con Gomis non ha la freddezza necessaria a battere il numero 1 del Avellino.
Nella ripresa sono di nuovo i locali a partire spediti, sfiorando il 2-0 con Zito in apertura. Poi il Carpi, trascinato da Di Gaudio, reagisce costruendo alcune palle gol e convicendo Castori a mettere in campo una formazione più offensiva per l’assalto finale, che ragiunge il suo apice all 82′ con l’occasione sprecata da Lasagna, fermato anch’egli dal ottimo Gomis.
Per l’Avellino è l’ultimo pericolo e al fischio finale i tifosi possono finalmente festeggiare il primato in classifica.