Cicerello_AndreaBen ritrovati sulla rubrica Talent scout de “Il calcio che conta”. Prima di presentarvi il giovane talento individuato dai nostri osservatori questa settimana, la redazione de “Il calcio che conta” vuole rendere omaggio a Lorenzo Costantini giocatore del Lanciano stroncato a soli 20 anni da una leucemia, la cui vicenda negli ultimi mesi aveva mobilitato la comunità abbruzzese, e molti personaggi legati al mondo del calcio, in una campagna volta raccogliere fondi per aiutare la famiglia dello sfortunato ragazzo a sostenere le necessarie spese mediche.
In questa settimana segnata dal lutto i nostri addetti allo scouting hanno cercato di guardare avanti andando a visionare Andrea Cicerello, promessa del calcio classe 96′ proveniente dalla primavera del Napoli.
Cicerello è originario della Puglia, ed è stato prelevato in prestito dal Napoli la scorsa estate dal Lecce. In campo il ragazzo si posiziona come ala classica, con inclinazioni prettamente offensive, capace di addattarsi senza problemi su entrambi i fronti di gioco; le sue doti migliori sono la rapidità e le incursioni palla al piede. Con le sue prestazioni con il Lecce prima, e con il Napoli ora, Cicerello ha dimostrato di saper unire uno spiccato spirito agonistico, che gli permette di guadagnare metri di campo correndo a testa bassa, notevoli qualità tecniche, in particolare nel controllo palla e nel dribbling.
Dal punto di vista umano la giovane ala è descritta da tutti come un ragazzo solare e determinato ad ottenere grandi risultati attraverso il sacrificio ed il duro lavoro. Ai tempi del Lecce era già diventato un quasi idolo della tifoseria salentina, ora si spera possa compiere la definitiva maturazione alle pendici del Vesuvio, diventando magari una colonna portante della “cantera” azzurra, tanto desiderata dal allenatore dei partenopei Rafa Benitez.