benitezDoha. E’ tutto pronto per l’attesissima sfida di fine anno tra Napoli e Juventus valida per l’assegnazione della Supercoppa Italiana. La Juventus, vincitrice dello scudetto negli ultimi tre anni e anche quest’anno in vetta alla classifica durante la sosta natalizia, in questa stagione ha strabiliato soprattutto gli scettici cambiando il tecnico e trovando con Allegri, se possibile, un’alchimia ancora maggiore che con l’ex Antonio Conte. Il passaggio dal 3-5-2 al 4-3-1-2 voluto dall’allenatore toscano è arrivato con calma, regalando alla squadra una maggiore fluidità di gioco. Punto fermo sempre Tevez, alla sua seconda stagione con i bianconeri.

Il Napoli, che l’anno scorso ha vinto la sua seconda Coppa Italia in tre anni, quest’anno era chiamato a superare i suoi limiti contro le piccole per poter finalmente lottare, davvero, per la conquista dello scudetto. Ma nonostante i titoloni di inizio anno e un De Laurentis più spavaldo che mai, l’eliminazione inaspettata ai preliminari di Champions League con l’Athletic Bilbao ha ridimensionato di molto i partenopei di Benitez, che anche in campionato si sono dovuti scontrare, oltre che con una Juventus e una Roma che sembrano ancora, sulle lunghe distanze, superiori, con i problemi della passata stagione. Molti punti persi, soprattutto con le piccole, e una classifica che latita, nonostante si arrivi alla sosta comunque al terzo posto con ampi margini di miglioramento.

Ma a Doha questi discorsi non varranno. Fra poco più meno 15 minuti scenderanno due squadre affamate, vogliose di regalare ai tifosi (in gran parte rimasti in Italia), l’ultimo titolo in palio in questo 2014. I pronostici vedono, d’obbligo, la Juventus favorita, ma il Napoli ha dimostrato più di una volta di essere una squadra temibile per tutti nella sfida secca.

Allegri arriva alla partitissima rispettando le ipotesi di formazione avanzate negli ultimi giorni. Difesa a 4 con la conferma di Evra sulla sinistra, apparso decisamente in crescita nelle ultime settimane. In mediano Pirlo con ai lati Pogba e Marchisio, dietro il duo Tevez-Llorente Vidal.

Benitez anche in questa occasione non viene meno alla sua ormai notoria abilità di cambiare le carte in tavola rispetto alle attese. Dentro Gargano e De Guzman, con Inler e Mertens che finiscono in panchina. Ghoulam terzino sinsitro, Higuain a guidare l’attacco, con Hamsik e Callejon e l’olandese De Guzman a supporto.

Ecco le formazioni ufficiali:

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Pogba, Pirlo, Marchisio; Vidal; Tevez; Llorente. A disp.: Storari, Rubinho, Ogbonna, Pepe, Padoin, Pereyra, Mattiello, Romagna, Coman, Giovinco, Morata. All.: Allegri
Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Lopez, Gargano; Callejon, Hamsik, De Guzman; Higuain. A disp.: Colombo, Andujar, Mesto, Britos, Luperto, Herinque, Inler, Jorginho, Radosevic, Mertens, Zapata. All.: Benitez

Arbitro: Valeri